Sessione di TAI con una giovane mamma.

La coppia ha atteso a lungo questa gravidanza. Il giorno del parto le cose non vanno come avrebbero desiderato. Ora la bambina si avvicina al suo primo compleanno ma per sua madre pensare alla sua nascita è ancora difficile, le sembra che le abbiano "rubato il parto".
"Mi sento scollegata dalla mia bambina. Qualcosa mi separa da lei."
La mamma parla delle lunghe ore di contrazioni dolorose, della sua stanchezza e soprattutto della sua preoccupazione per il bambino perché la frequenza cardiaca diminuiva.
È stata praticato un cesareo d'emergenza e, sedata, non ha potuto fare altro che subire gli eventi. Le propongo di praticare TAI su ciò di cui parla perché le immagini sono lì.
Le chiedo quando ripensa alle sue immagini, se le vede o le sente. Sente voci, la sua, quelle degli altri?
Se sì, le sente da un orecchio o in stereo?
Ha sensazioni nel suo corpo?
Una volta che ha le coordinate spazio-temporali della scena, le chiedo

Quali sono le reazioni a livello corporeo?
C'è un'assenza di qualcosa - a livello emotivo?
Irritazione, tristezza
E a livello mentale?
Distanza, forse è questa la causa della mia disconnessione con la mia bambina...
Le chiedo se ha consapevolezza della rappresentazione e delle reazioni.
Sì.
Possiamo iniziare il primo passaggio di TAI
Io sono Origine
Mani sovrapposte una sull'altra, sul primo Dantian:
Riprendo il mio potere e libero l'energia bloccata in questa rappresentazione.
Poi sul secondo Dantian, cuore:
Lascio andare tutte le identificazioni e gli attaccamenti a questa rappresentazione.
Poi l'indice e il medio sul terzo Dantian, terzo occhio, diciamo la frase
Genero ordine e coerenza in me stessa rispetto a questa rappresentazione.
Dopo il terzo sbadiglio, esprime spontaneamente cosa è cambiato nella rappresentazione
C'è stata rabbia verso di lei nello stomaco con il sentimento di non essere stata in grado di partorire sua figlia.
Poi la consapevolezza di "Mi sveglio, mia figlia sta arrivando. Mi stanno ricucendo, posso rimarginare la mia ferita emotiva." È sorridente.
Ma
Un'altra rappresentazione arriva quella di un'infermiera che per lei mancava di pedagogia per aiutarla nei consigli sull'allattamento. La sua rappresentazione è che questa persona la fa sentire in colpa perché la sua bambina sta perdendo peso mentre lei la attacca al seno quasi costantemente. Ma la montata del latte tarda a venire, ha ben presente la scena visiva uditiva cinestetica.
È come se l'infermiera fosse nel suo corpo per dirle cosa non stava facendo bene.
Le chiedo quali sono le reazioni del suo corpo quando è concentrata su questa rappresentazione. Si sente invasa, sopraffatta, non ha più l'impressione di appartenere a se stessa.
E a livello emotivo
Voglia di piangere, grande tristezza
Che cosa succede a livello mentale?
Confusione, perdita di fiducia in se stessa, messa in discussione delle sue capacità naturali.
Facciamo il secondo passaggio di TAI su questa rappresentazione.
Primo Dantian:
Riprendo il mio potere e libero l'energia cristallizzata in questa rappresentazione
Secondo Dantian:
Lascio andare tutte le identificazioni e gli attaccamenti a questa rappresentazione
Genero ordine, armonia e coerenza in me stessa rispetto a questa rappresentazione.
Esprime "So quando la mia bambina ha bisogno di me. So di cosa ha bisogno.
Le chiedo se l'infermiera è ancora lì, la tristezza...?
Non c'è più nulla, è andata via, non c'è più.
Si sente in ascolto di sé stessa e di sua figlia.
Le chiedo dove sia ciò che la separava dalla sua bambina.
Non c'è più separazione, mia figlia ha accesso a me, io ho accesso a lei e ha il suo spazio, io ho il mio. È così.
Diciamo la quarta frase
Mani sul secondo Dantian
Armonizzo tutti i miei sistemi a questo nuovo livello di consapevolezza.

 
Catherine V.